Carmelino

IL BLU DI CHARTRES

Charles ha otto anni e a lui piace molto quando il nonno Victor inizia a raccontare, un po’ perché ha una voce profonda, un po’ perché le storie che lui narra sono proprio affascinanti.

LA MACCHIA ROSSA

Nei tempi lontani, anzi lontanissimi, agli inizi della creazione, il buon Dio volle popolare la terra di tante creature, per preparare una reggia viva e allegra al suo preferito, l’uomo.

NOCCIOLINE E ROSARIO

Reus è un piccolo villaggio vicino al mare Mediterraneo, in Spagna. Tra i pini marittimi e i cespugli di ginestre il clima è mite e sempre piacevole.

SANTA TERESA D'AVILA

Fu proprio nel cuore di quel regno, nella città di Avila, che nel 1515 nacque Teresa de Ahumada. Era una piccola grande nobile spagnola, una hidalga.

SAN SEPOLCRO

Faceva piuttosto caldo in quei giorni estivi, alto il canto delle rumorose cicale e la campagna, che si stendeva tra le colline, quasi spingeva a dimenticare che c’era la guerra.

PROPRIO COME A BETLEMME

Quando San Francesco inventò il presepio per vedere Gesù bambino “con gli occhi della carne”.

ARTE E BELLEZZA

La storia che qui è raccontata narra di una passione profondissima per l’arte e dell’incontro di alcuni uomini che per tutta la vita cercarono di difenderla e di farla conoscere.

 

Cantico di Nazareth

Testo di P. A. Sicari per canzone musicata da P. G. Bracchi

 

Io guardo te mio sposo e leggo sul tuo viso
Le cose che mi ha detto l’Angelo di Dio.
La tua bellezza somiglia a quella di Re Davide,
la tua giustizia mi ha dato pace e sicurezza.

Io penso sempre al Dio Padre del mio bimbo
E vedo in te la premurosa Sua custodia.
Per me è dolce sentirlo quando lui ti chiama “Abbà”
Che già sapeva dire in cielo.

Ho scelto te, Giuseppe, con letizia d’amor,
per dare in questa terra una famiglia a Dio.

Rivedo ancora la grotta tutta illuminata
E il tuo sorriso quando il bambino presi in braccio.
E mi ricordo quando fuggimmo spaventati
Dal re crudele verso una terra assai lontana.

Per me Maria, tu sei la stella del cammino
Che sa guidarmi con gli occhi sempre fissi al cielo.
Quando la sera ritorno stanco dal lavoro
Come sei bella, nel darmi il bimbo tra le braccia.

Ho scelto te, Maria, con letizia d’amor,
per dare in questa terra una famiglia a Dio.

Che grande gioia stringerci attorno a nostro Figlio
Pronti a donarlo ad ogni uomo che lo cerca.
E siamo noi che il Padre ha scelto a custodire nel suo Gesù
l’aurora di una nuova storia.

È Dio che ci ha uniti, con letizia d’amor
per dare in questa terra una famiglia a Dio.